Per otto mesi, da novembre 2019 a giugno 2020, un gruppo di giovani italiani e stranieri parteciperanno alla Scuola di Formazione Teatrale Interculturale del progetto Transit. Si tratta di un momento di formazione professionale completamente gratuita, perché finanziata dal Nuovo Imaie, il progetto mutualistico che tutela gli artisti, gli interpreti e gli esecutori. Il fine è quello di valorizzare l’identità individuale all’interno di un gruppo di lavoro, al quale si vuol insegnare a scrivere e interpretare un testo, sviluppandolo artisticamente.

Al termine degli otto mesi, infatti, è prevista una messa in scena sotto la regia di Pina di Gennaro. Il tema su cui ci si confronterà sarà il “non-luogo“, perché si rifletterà sullo spazio in cui i venti partecipanti al progetto svolgeranno le loro attività, ovvero lo Spazio Comunale “Piazza Forcella”, ex sala cinematografica rimasta chiusa per anni, poi ristrutturata dal Comune. Questo spazio comunale è da sei anni la sede della Compagnia Teatri della Seta, che ha ideato il progetto, e de I teatrini, che sono coinvolti nell’organizzazione dello stesso, assieme al sostegno dell’assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune.

L’iscrizione al bando è consentita anche a chi vive fuori dal quartiere di Forcella, purché abbia un’età compresa tra i 18 e i 35 anni e il diploma di scuola secondaria di II grado. Non è vincolante, per quanto auspicabile, la conoscenza della lingua inglese parlata e il possesso di un diploma di formazione di scuola, accademia e istituzione teatrale o cinematografica.

Si ha tempo fino al 10 novembre per far pervenire la propria candidatura al seguente indirizzo mail: transitformazione@teatridiseta.it. Occorre inviare i dati anagrafici, una fotografia a mezzo busto o in primo piano, una lettera di presentazione o in alternativa un video della durata massima di tre minuti. Una commissione valuterà i candidati entro novembre.

transit, progetto a Forcella