Sabato 6 Aprile alle ore 21 al Teatro Avanposto numero Zero, Via Sedile di Porto 55 Napoli, nell’ambito della rassegna Femminile periodico Veronica Ragusa interpreta “Nulla può fermare la caduta di queste lacrime”, regia di Lucio Colle. Uno spettacolo semplice ed evocativo, che si avvale di una narrazione fisica lineare, di pochi – essenziali- elementi, di affabulazione. La storia – una storia- è solo il pretesto, per avvicinarsi alla cultura araba, per raccontarla, e per andare più a fondo nel fenomeno del terrorismo islamico, cercando di metterlo sotto la lente d’ingrandimento. É da una necessaria e sincera volontà di approfondimento che nasce questo spettacolo. Non vuole dare risposte, vuole indagare più a fondo nei fantasmi che abitano il nostro presente, avvicinarsi alla fonte dell’ombra sproporzionata proiettata sul muro, per arrivare a scoprire, forse, che è ciò che non vediamo a farci più paura.

Note di Regia:

 “Una donna araba è sola, al centro di una piazza, affollata di persone. É la piazza di un paese europeo. Indossa una cintura esplosiva. La sua mente è avvolta da una miriade di pensieri, di domande… di dubbi. Ripercorre mentalmente la sua storia, quella storia che l’ha portata ad essere lì, in quell’interminabile istante. Lei vive questo momento intenso con noi.” “Alla fine di questo percorso si farà esplodere o sceglierà un’altra strada? Per quanto la sua scelta finale possa essere importante, ciò che a noi interessa conoscere, che ci interessa vivere, è il suo percorso, il racconto della sua storia personale. Perché ancora crediamo che la Storia è fatta dai racconti delle singole esperienze degli esseri umani. Sempre che ci sia ancora qualcuno in grado di raccontarla.”

Lucio Colle

Musiche eseguite dal vivo: Luciano Russo

Scenografie: Ulderico


Ingresso libero. Per informazioni 3475829507