Neanche il tempo di smaltire il deludente mezzo passo falso interno di lunedì col Sassuolo che il Napoli è chiamato nuovamente ad un importante appuntamento di Campionato; al San Paolo arriva l’Inter targata Pioli, reduce dalla sofferta vittoria con la Fiorentina nell’ultimo turno.
Un compito non facile per gli azzurri contro una formazione seriamente intenzionata a scalare posizioni in classifica dopo il tribolato avvio di stagione caratterizzato dagli esoneri di Manciniprima e de Boer poi. I nerazzurri sono alle prese con dei cali di concentrazione impressionanti durante l’arco di una stessa partita ma possono vantare un Icardi davvero implacabile e consapevole ormai di essere uno degli attaccanti più forti e decisivi dell’intero panorama mondiale.
Il Napoli invece deve fare a meno dello squalificato Mertens; in attacco nuova chanche per quello che ormai sembra un corpo estraneo alla squadra, Manolo Gabbiadini, alle prese con un momento che più nero non si può, dove l’autostima è ai minimi storici ( Sarri non è esente d colpe).
C’è la difficile e decisiva gara di Lisbona martedì e il rischio è quello di non riuscire a dare il meglio contro l’Inter (il mister deve evitare questa devastante possibilità); a riposare sarà sicuramente Hysaj alle prese con un leggero problema muscolare, a sostituirlo, ovviamente, Christian Maggio. Centrocampo con il sempre presente Hamsik che affiancherà Diawara e Zielinski (che torna in luogo di Allan). Appuntamento alle 20:45, arbitrerà Rizzoli.