“A tutte le donne che abbiamo ascoltato e che con i loro racconti ci hanno nutrito” 

In un intreccio a più voci, tra storie di donne, esplorazione del desiderio di maternità e nuove prospettive di apertura alla vita, tra miti, parole e musica, si attraverseranno le pagine del libro “Le nutrici di se“, di Marina Boniello, Cinzia Caputo, Antonella Palmisano, a cura di Cinzia Caputo, IOD edizioni 2019.

Venerdì 29 marzo 2019, ore 17.30 al Pan, palazzo delle Arti di Napoli ne discuteranno con le autrici Diletta Capissi, giornalista, Marisa D’Arrigo, psicologa analista. Letture e voce narrante di Matilde Cesaro.

 Il libro è una raccolta di storie ed esperienze intense di donne di diverse generazioni che hanno affrontato e vissuto non solo il desiderio ma anche il dolore della maternità. Raccontate in una forma narrativo-evocativa, attingendo dal mito e dalla metafora – di cui Cinzia Caputo è esperta – e dando corpo a un dialogo a più voci e secondo tre diversi approcci: filosofico, psicoanalitico e psicobiologico. Offre dunque spunti e riflessioni, da angolazioni diverse, che aprono a nuove rappresentazioni, inaugurando così modi differenti di correlare cose, persone ed esperienze ancora non prevedibili.

“Attraversare il desiderio di maternità è stato un viaggio – scrivono le autrici – di cui conoscevamo solo la partenza. Spinte dalla domanda che siamo state costrette a porci, da una terra conosciuta, ci siamo ritrovate in una terra nuova che abbiamo potuto esplorare”.