L’arte si cala negli abissi del sottousuolo partenopeo, si innesta nei suoi anfratti e dà vita ad una esplosione creativa che ne unisce i diversi linguaggi: è SubTerranea, la rassegna di arti visive e performative presso il Museo del Sottosuolo di Napoli.

Decine artisti, scultori, danzatori e performer declineranno il tema ‘subterranea’ attraverso diversi angoli di visuale: gli invisibili (migranti, matti, persone senza diritti), la forza della natura che resiste all’inquinamento prodotto dall’uomo o ancora l’energia mossa dal fuoco delle passioni.  Gli artisti, i cui spettacoli, opere ed esposizioni si susseguiranno intrecciandosi fino a creare un continuum, condurranno gli spettatori in un viaggio unico attraverso uno dei luoghi più suggestivi di Napoli, nel ventre della città.

Dopo il successo di inizio novembre la rassegna di arti visive e performative Subterranea ritorna ad animare le profondità del Museo del sottosuolo di Napoli con il suo secondo appuntamento, ricco di novità e carico di emozioni, in programma venerdì 30 Novembre a partire dalle ore 19.

Le selezioni per questa nuova avventura attraverso le arti si sono chiuse lo scorso 20 Novembre, ma tutti gli artisti interessati possono scrivere a subterranea.140@gmail.com  inviando idee, progetti e candidature per i prossimi eventi in programma per tutta la stagione invernale.

Per il vernissage di venerdì 30 novembre i partecipanti sono stati suddivisi in due sezioni: per le arti visive ci sono Renato Aiello, Enzo Andreoli, Nadia Basso, Annunziata Buggio, Hubert Bujak, Salvatore De Chiara, Albachiara De Lucia, Antonio De Vito, Francesco Festa, Vera Genovese, Enrico Maria Guidi, Antoni Hidalgo, Gerardo Iuliano, Irene Macalli, Mascia Mantani, Lory Marrancone, Concetta Marroccoli, Cesare Modrone, Eliana Noto, Antonello Pala, Mauro Palumbo, Giuseppe Pettinati, Mario Romano, Alessandra Sarritzu, Simona Simonini, Mariano Sisto, Maria Sommario, Massimo Tanzi, Arturo Vastarelli, Sonia Vinaccia, Alessandro Zucca, Wewak254.

Per le arti performative si esibiranno Monica Balzano, Luigi Davino, The Key e Vandalia con performace di grande impatto che si susseguiranno durante tutta la serata regalando al pubblico emozioni forti e sorprendenti. Il gruppo di musica elettronica, The Key, composto da Livia Bertè e Giuseppe Bellotta, offrirà ai presenti le sue particolari sonorità che sposano le melodie della tradizione celtica con contaminazioni provenienti dal rock melodico. Monica Balzano, tatuatrice e body painter, sorprenderà con una nuova straordinaria performance di bodypainting adoperando il corpo come forma d’espressione.  Luigi Davino, giovane street artist napoletano, incanterà i presenti con la sua writing performance, realizzando dal vivo un murale pensato per questa iniziativa e ispirato  alla location. Il gruppo Vandalia porterà nelle immense sale del museo una performance vocale basata sull’improvvisazione e sulla spontaneità.

In programma in una delle sale la proiezione di un interessante documentario sulla musica emergente e underground partenopea:  Na Wave, scritto, prodotto e diretto da Salvatore De Chiara, e con Giuseppe Pettinati, Mariano. Infine Albachiara De Lucia e Lucia Molino dell’associazione Arti terapeutiche Napoli presenteranno in Profondià, progetto di Arti terapie in collaborazione con il Museo del sottosuolo, di cui sarà esposto il programma in occasione di SubTerranea.

QUANDO: Venerdì 30 Novembre h 19.00

DOVE: Il Museo del sottosuolo, piazza Cavour, 140

Prenotazione obbligatoria: Barry Di Micco 3280115044