Massimo Troisi, indimenticabile e  indimenticato, a 25 anni dalla sua scomparsa, sarà il protagonista di un appuntamento da non perdere mercoledì 17 luglio, alle ore 21.00, al Maschio Angioino. Nel cortile del castello andrà in scena il progetto teatrale “Troisi poeta Massimo”, scritto e diretto da Stefano Veneruso, nipote dell’indimenticato attore partenopeo, interpretato da Matteo Nicoletta.

L’attore romano è il protagonista di un viaggio nei ricordi che prende vita attraverso musica, poesia e immagini per omaggiare, nella sua città natale, uno dei più grandi talenti comici italiani di tutti i tempi. Una narrativa intrisa della sua timida ironia permette al pubblico di penetrare nell’universo di uno dei più grandi esponenti del cinema italiano, portando in scena con onestà, delicatezza e il giusto tocco di discrezione la parte più intima e meno conosciuta di
Massimo Troisi: uomo e artista. Matteo Nicoletta, in un susseguirsi di poesie inedite, interviste, canzoni e testi autobiografici, parlerà di famiglia, di amore, di Napoli, e del suo ultimo successo cinematografico. Una ricostruzione della carriera attraverso, i suoi testi memorabili, i suoi motti, le sue espressioni e la sua poetica.

La performance sarà accompagnata da cantanti e musicisti: Alessandra Guidotti (voce), Alessandra Tumolillo (voce e chitarra), Stefano Napoli
(contrabbasso) e Matteo Cona (chitarra), che eseguiranno brani di Pino Daniele e alcuni inediti di Troisi.