Un melograno nel Giardino della Vanella: l’attività culturale del MANN riprende, dopo la breve interruzione estiva, con un atto simbolico.
Un nuovo albero, infatti, è stato piantato sabato 7 settembre, in occasione dell’iniziativa mondiale proposta da Alejandro Jodorowsky per sensibilizzare l’opinione pubblica dopo i devastanti incendi della Foresta Amazzonica: il melograno del Museo Archeologico Nazionale di Napoli sarà dedicato ad Olivia Arevalo  Lomas, leader dei popoli indigeni del Perù, assassinata per le sue battaglie in nome dei diritti civili e della salvaguardia ambientale.

Impegno sociale, condivisione culturale, promozione della ricerca archeologica: queste le parole chiave degli eventi programmati all’Archeologico nelle prime settimane di questo mese.

In collaborazione con l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, si svolgerà “Territori, tradizioni, temi e tendenze”, anticipazione del XIV Colloquio Internazionale AIPMA (Napoli/Ercolano, 9-13 settembre): a questo appuntamento prenderanno parte oltre venti studiosi  provenienti dall’Italia, dal Belgio e dal Regno Unito per scoprire le caratteristiche creative della pittura dei cosiddetti “secoli oscuri”.

Ancora focus sulle esposizioni del MANN per le prime settimane di settembre: giovedì 12 (ore 17) sarà presentato il catalogo della mostra “Orogenesis” di Juliana Cerquiera Leite. 
Venerdì 13 (ore 17), chiusura di “Mediterraneo”, percorso organizzato dalla Biblioteca del Museo in collaborazione con la casa editrice “Il Filo di Partenope”: prevista la partecipazione del fotografo Antonio Biasiucci, degli scrittori Marco De Gemmis, Eugenio Lucrezi, Paola Nasti, Enza Silvestrini e Luigi Trucillo, degli artisti Chiara Arturo e Vincenzo Rusciano.
Dopo il buon successo di pubblico e critica, da segnalare la proroga, al 9 settembre, della personale “L’arte sa nuotare” dello street artist Blub.

Sarà dedicata alle sculture della Collezione Farnese, infine, la perfomance “Il mito e l’anima” (sabato 14 settembre, ore 17), promossa dai Servizi Educativi del Museo in sinergia con Anthea (Associazione Nazionale Teatro Arteterapia) e Gestalt Counseling e Mediazione Artistica.