Una serata organizzata dai pizzaioli per omaggiare Auguste Escoffier

Il fiduciario Campano della delegazione dell’ Ordre International Des Disciples d’Auguste Escoffier ha organizzato, con gli amici pizzaioli, una serata in onore del ” Re dei Cuochi”.

Diego Viola, Adriana Avallone, unitamente a Donna Luisella ed i suoi figli Danilo e Mirko Fusco,  titolari della pizzeria ristorante “Benvenuti al Sud” di Lusciano (CE),  hanno ospitato giornalisti, food blogger, pizzaioli, e il direttivo della delegazione.

 Alla manifestazione presentata da Felice Franzese, segretario del direttivo campano dei Disciples, sono intervenuti: il Fiduciario regionale dello stesso sodalizio, lo Chef  Nicola Di Filippo, la collaboratrice Tina Bianco, la P. R. Romina Sodano e Giuseppe De Girolamo ufficio stampa. Presente  il Presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola , il portavoce del Consulta Nazionale dell’Agricoltura, Rosario Lopa e la fiduciaria FISAR di Napoli e Comuni Vesuviani Anita Mercogliano.

Fiola ha annunciato il progetto e l’apertura a Sant’Anastasia di una Scuola – Accademia di Enogastronomia – a rilevanza nazionale, punto di riferimento non solo per professionisti, ma anche per le massaie. Nell’Accademia si parlerà di agrigenetica e l’ente nazionale di certificazione, certificherà prodotto e produzione, come: la pizza, la sfogliatella, la pastiera, il babà, ma anche il soffritto, la salsiccia e tanti altri prodotti tipici napoletani. Si istituirà un registro delle professioni nel quale saranno iscritte con valenza internazionale le varie specializzazioni conseguite nei corsi, frequentati nell’Università dei Gusti e dei Sapori (marchio registrato 3 anni addietro, di prossima inaugurazione).

Lopa, ha fatto un excursus del suo impegno pionieristico per il riconoscimento dell’STG per la pizza napoletana e delle tante battaglie condotte in favore delle tipicità ed eccellenze campane.

 Momenti di commozione vissuti da Donna Luisella e dai figli Danilo e Mirko, per l’inaspettata sorpresa di Lopa che gli ha consegnato un riconoscimento per la loro laboriosità e per l’ospitalità offerta agli Escoffier, oltre che per il costante impegno nella valorizzazione di Napoli e della Campania, con il loro lavoro imprenditoriale. Una pergamena, giunta direttamente dalla Consulta di Napoli, registrata a Roma, con la motivazione letta da Lopa ai presenti e dedicata a Donna Luisella al secolo Luisa La Matta.

Le pizze che i pizzaioli  hanno preparato per omaggiare il grande Auguste Escoffier

(Diego Viola e Adriana Avallone) Pizza: Vellutata di provolone del Monaco, mozzarella di bufala Campana, in uscita bresaola di Bufala campana in Carpaccio olio evo al basilico, limone e Rucola.

Pizzeria Galante Tutino (Michele e Ciro Tutino) Pizza: Zucca, provola di Agerola e salsiccia maialino nero casertano.

A Figlia D’ò Marinaro (Assunta Pacifico) Pizza: filetto di sogliola locale, mozzarella campana, pomodorini verdi e gialli del Vesuvio, olive nere aglio, origano, un pizzico di rucola.

Pizzeria Le Parùle (Giuseppe Pignalosa) Pizza: Provola dei Monti Lattari, papaccella napoletana grigliata, olive nere, basilico e olio evo.

Pizzeria Benvenuti al Sud (Mirko e Danilo Fusco) Pizza: Pomodoro pelato giallo, Piennolo del Vesuvio e pomodorini gialli vesuviani, mozzarella di Bufala campana Dop, basilico e olio evo.

Pizzeria Pummarò (Attilio Albachiara) Pizza: Stracciata di Bufala, puparunciello del ciummo, conserva di pomodoro giallo, salsiccia sbriciolata di maialino nero.

Pizzeria Il Presidente (Gennaro Russo) Pizza: Pomodorino giallo del Vesuvio, provola di Agerola, acciughe di Cetara.

Tenuta Paino (Antonio Aniello) Pizza: Provola di Agerola, Guanciale di Maialino Nero Casertano, Crema di Zucca, Tartufo Nero, Basilico e olio evo.

Pizzeria la Contessa (Salvatore Di Maio) Pizza: Pomodorini gialli e Pomodorini rossi, melanzane, Zucchine, mozzarella di Bufala e origano paesano.

Pizzeria Casa de Rinaldi (Cristiano de Rinaldi) Pizza: Scamorza di latte Nobile, pecorino in cottura, pomodorino giallo, ricotta di latte nobile, acciughe di Cetara, zest di limone, germogli misti.

Pizzeria La Vita è Bella (Antonio Della Volpe) Pizza: Vellutata di parmigiana di melanzane, polpette napoletane, provola di Agerola e scaglie di caciocavallo.

Pizzeria Nanà (Silvio Zigarelli) Pizza: Fiordilatte di Agerola, Pancetta, croccanti di verdure, scaglie di parmigiano reggiano, olio evo.

Pizzeria PalaPizza-il palazzo della pizza (Enrico Di Pietro) Pizza: Vellutata di Friarielli, provola di Agerola, filetti di Baccala dorato, olio evo.

Pizzeria Il Fungo (Saverio Ciampi) Pizza: mozzarella, pomodorino, prosciutto crudo, rucola e scaglie di parmigiano.

Pizzeria La Pineta (Umberto Mauriello) Pizza: salsiccia rossa di Castelpoto, funghi porcini del Matese, caciocavallo di Castelfranco in Miscano sciolto.

Pizzeria Scugniz (Guglielmo Vuolo) Pizza: Provola Affumicata a paglia olio evo, fuori cottura salsiccia podolica sbudellata e zest di Limone foglie di limone impanate in farina e sbriciolate.

Pizzeria La Cantina di Carmine (Salvatore Mazzarino) con la sua pizza: Notte di Natale con provola di Agerola, friarielli fritti, polpette di suino avellinese e ricotta di Bufala.

Romina Sodano