“Il Comune di Salerno e la Regione Campania hanno fatto e continueranno a fare la propria parte per favorire il decollo dello scalo salernitano, un passo decisivo per lo sviluppo del territorio e per la definitiva consacrazione della destinazione Salerno’’. Con queste parole il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, nel corso di una conferenza stampa sui distretti turistici alla BIT, la fiera internazionale del turismo in corso a Milano, lascia intendere che la rampa di lancio, è il caso di dirlo, dello sviluppo turistico del Meridione è rappresentata anche dallo scalo aereo di Salerno-Costa d’Amalfi.

‘’Accogliamo, quindi, con grande favore la volontà manifestata dai nostri operatori di impegnarsi per favorire la risoluzione della vicenda – ha poi detto il primo cittadino -’’. La struttura, che attraversa un triangolo di terra che abbraccia una zona lambita dal mare e puntellata di Bandiere Blu, si trova a metà strada tra la costiera Cilentana e quella Amalfitana. Lo scalo salernitano conta poco più di 20mila passeggeri in transito, troppo pochi per sostenere costi di gestione di una struttura così articolata e il personale impiegato.

Intanto è di poche settimane fa la notizia dell’approvazione del progetto di sviluppo dell’aeroporto. Ora si attende la pubblicazione del bando di gara che affiderà le opere di rilancio dello scalo che, si spera, inizino al più presto. Vincenzo Napoli, sottolineando e auspicando l’importanza imprescindibile di un coinvolgimento diretto di tutti gli operatori turistici per valorizzare l’intera zona turistica: “Fare rete con gli operatori del comparto turistico e con i comuni limitrofi per sfruttare a pieno le enormi potenzialità del territorio salernitano e campano’’