Bilancio – decisamente positivo a detta dei diretti interessati – per il primo anno di sperimentazione dell’originale “Adotta una fermata”, presentato ad una ristretta è qualificata platea al Caffè Gambrinus da ANM, LMF e Comune di Napoli.

Alberto Ramaglia Mario Calabrese
Approcciata a Napoli, con il supporto di 100 attività imprenditoriali cittadine che vi hanno aderito, l’iniziativa è stata accolta con entusiasmo crescente dagli sponsor.
Esercizi commerciali e studi professionali localizzati sul territorio, hanno personalizzato le varie fermate di riferimento con i propri dati segnati fisicamente sulla cresta della pallina/pensilina, e virtualmente su piattaforma web e mappe elettroniche (applicazioni per smartphone).
L’originale formula di comunicazione e marketing della fiorentina LMF Italia, si sta concretizzando anche nella nostra realtà, offrendo ai passeggeri, abituali e occasionali, segnali urbani utili a fornire indicazioni privilegiate su dove spendere, mangiare, albergare, divertirsi, trovare la farmacia più vicina, ecc.

In particolare, la nuova formula di marketing è stata colta al volo dalle firma più prestigiose e solide della città, che hanno compreso la valenza strategica dell’occasione loro fornita: poter godere di un canale promozionale privilegiato e di sicuro riscontro, per di più a basso costo. “Adotta una fermata” costituisce, per gli operatori dei trasporti di ferro e gomma, un’occasione per acquisire nuovi clienti e incrementare i guadagni, a fronte dei relativi costi aggiuntivi decisamente limitati.

Tra le zone maggiormente sensibili a questa particolare sponsorizzazione, figurano in prima linea Fuorigrotta, Miano e il Centro.
I proventi, come da intenzione della stessa ANM, verranno destinati al miglioramento dei servizi di informazione al pubblico e soprattutto di comunicazione, grazie ad opportune strategie aziendali.

Interviste di Teresa Lucianelli, foto e video di Raffaele Cofano