Carmine Spadafora, 64 anni, era un cronista di ‘’razza’’. Ha iniziato la sua carriera al “Giornale di Napoli”, poi al “Roma” (dal 1990 al 1993) e quindi a “Il Giornale” di Milano, per più di venti anni, come corrispondente da Napoli.

Cronista di nera, ha frequentato a lungo la sala stampa della questura di Napoli, diventando ben presto punto di riferimento, per la sua conoscenza dei fatti, per diverse generazioni di giovani giornalisti seguendo sempre con scrupolo ed attenzione le vicende importanti che sono avvenute nella città di Napoli e in Campania.

Da anni era componente del collegio dei probiviri dell’emeroteca-biblioteca “Tucci” di Napoli.

A proposito dell'autore

Post correlati