“A Miro Kacic, che con le sue parate ci ha portato in Europa”

E’ il testo della targa che mercoledì sera Franco Porzio consegnerà all’ex portiere biancazzurro.

Mercoledì sera (ore 20,30) si gioca Carpisa Yamamay Acquachiara-Mornar Spalato, gara di andata della semifinale di Euro Cup. Per la prima volta Kacic tornerà alla Scandone da avversario, un ex molto temuto: “Quando è al top, è uno dei portieri più forti in circolazione”, sottolinea il presidente onorario dell’Acquachiara.

La presenza di Kacic tra i pali del Mornar Spalato è un ulteriore motivo di interesse in una partita che ne presenta di per se stessa tantissimi. Franco Porzio ricorda il più importante: “Se eliminiano il Mornar, Napoli tornerà a giocare una finale europea dopo 10 anni”.

L’ultima fu Posillipo-Honved, 1995, finale di Euro League vinta dai rossoverdi. Inoltre “da questa esiste l’Euro Cup, o Coppa Len che dir si voglia – precisa Porzio – nessuna squadra napoletana ha mai preso parte a una finale”.

Quest’anno potrebbero essere addirittura due perchè l’altra semifinale è Steaua Bucarest-Posillipo e non è certo la prima volta che Franco Porzio dice: “Sogno una finale tutta napoletana”.

Non perchè il Posillipo sia avversaria meno temibile della Steaua (è l’esatto contrario), ma perchè “una finale europea tutta napoletana sarebbe una cosa mai vista”, sottolinea il presidente onorario biancazzurro. Non ci sono precedenti, infatti, e non solo nella pallanuoto.

Riepilogando, questa sfida tra Acquachiara e Mornar Spalato “rappresenta in questo momento per noi la gara più importante dell’anno – conclude Franco Porzio -. Abbiamo la possibilità, infatti, di raggiungere un traguardo mai raggiunto. E poichè, a prescindere da Kacic, il Mornar è una signora squadra, mercoledì sera abbiamo bisogno del massimo sostegno da parte dei nostri tifosi. Stavolta il mio non è un invito, è un appello”.