La Regione ribadisce il suo appoggio al sindacato e ai lavoratori nella vertenza Whirlpool, il cui tavolo tecnico si terrà domani presso il Ministero dello Sviluppo Economico

Una delegazione di 150 operai di Whirlpool sono stati ricevuti in Regione da Antonio Marchiello, assessore alle Attività Produttive, per protestare contro il disimpegno della multinazionale, che ha cancellato la produzione e i turni di lavoro da oggi fino al 20 settembre per i quattrocentocinquanta lavoratori dello stabilimento di via Argine. La notizia era giunta sabato scorso con un sms in cui si leggeva la motivazione: “contrazione dei volumi produttivi“.

Il tavolo di domani deve mettere al centro dell’azione di governo le priorità del Sud, sviluppo e industria, che in questo momento assumono il nome di Whirlpool Napoli, ridando dignità agli accordi ministeriali“. Con questa nota, Antonio Accurso, Uilm Campania, annuncia la decisione dell’assessore di sostenere la causa degli operai e del sindacato, ritenendola una lotta per il territorio e per la difesa della tenuta del sistema industriale del Paese oltre che del Mezzogiorno.

Domattina, dopo un incontro con i rappresentanti sindacali, circa duecento lavoratori si recheranno a Roma, portando sotto il Ministero dello Sviluppo Economico una parte del presidio.