Creare una comunità di accoglienza destinata a turisti, visitatori, ma ache agli stessi napoletani, che possa raccontare le bellezze del patrimonio culturale e umano della città.  E’ questo lo spirito con cui è nato AAA Accogliere ad Arte e che ha coinvolto tassisti, agenti di Polizia municipale, dipendenti del trasporto pubblico, personale alberghiero e ristoratori. Sono quasi 1000 le persone che vi fanno parte dal 2016 ad oggi sono impegnanti tra percorsi di formazione rivolti proprio a quelle categorie professionali che, per prime, accolgono i turisti e i viaggiatori in città; previsto un programma di incontri e visite guidate con oltre 20 musei e istituzioni culturali che partecipano e con i “Dialoghi di comunità” con gli esponenti del mondo della cultura, aperti al pubblico.

“Con questa iniziativa siamo arrivati alla quarta edizione e sta diventando un modello di valorizzazione del patrimonio della città – ha affermato Francesca Amirante, presidente di Progetto Museo – Quest’anno abbiamo scelto la frase ‘Accogliere ad arte fa bene alla città e fa bene anche a te’ per trasmettere l’idea della crescita di città e cittadini”.

Da quest’anno, a partire dal mese di novembre e fino a maggio 2020, alle 450 persone già coinvolte se ne aggiungono altre 400 appartenenti a categorie professionali strategiche per l’accoglienza: ristoratori, personale di custodia di siti culturali, agenti di viaggio. Il programma prevede percorsi che valorizzino la conoscenza della città e del suo patrimonio, toccando sia i luoghi più conosciuti, sia quelli meno noti. Da quest’anno entrano nel circuito la Fondazione Morra Greco, l’Orto botanico e il Parco archeologico di Pausilypon. Rientrano nel programma alcuni luoghi del Borgo dei Vergini tra cui la Chiesa della Misericordiella.

AAA accogliere ad Arte è una iniziativa coordinata da Progetto Museo e si avvale del contributo di numerose associazioni alle quali, si aggiunge anche l’Aeroporto internazionale di Napoli come main sponsor, e di ‘Costruire, con il patrocinio della Regione Campania, del Comune e con il patrocinio morale di Unione degli industriali e Federalberghi. “L’aeroporto è luogo di arrivi e partenze, ma anche la prima e ultima impressione che i turisti hanno di Napoli – ha dichiarato l’amministratore delegato di Gesac aeroporto internazionale di Napoli, Roberto Barbieri -. E’ nostro dovere – ha sottolineato – accoglierli al meglio”.