Presentazione del Volume di G. Pisa, Ordalie. Memorie e Memoriali per la Pace e la Convivenza

Mercoledì 23 Maggio ore  17.00Complesso Monumentale di Santa Maria la NovaNapoli, con gli interventi di Elena Coccia, Consigliera Delegata al Patrimonio Culturale, Città Metropolitana di Napoli; Immacolata Caruso, Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo, ISSM – CNR; Dorotea Giorgi, Casa Internazionale delle Donne, Trieste; Maria Teresa Iervolino, anglista e boemista, mediatrice culturale; Manuela Marani, Esperta di sviluppo territoriale e cooperazione decentrata; Rosanna Morabito,Docente di lingua e letteratura serba e croata, “L’Orientale”.

La sfera culturale, spesso distorta per alimentare ostilità e conflitto, può costituire nondimeno un potente fattore di soggettivazione e di legame. Il riconoscimento dei giacimenti culturali e la valorizzazione dei luoghi della memoria, punti di sedimentazione delle memorie collettive, assurgono altresì a occasioni preziose, contro l’oblio e lo spaesamento, per costruire la pace e la condivisione attraverso le culture.

Sul terreno culturale si gioca, infatti, il confronto delle identità, multiple e cangianti, e si dipana la sfida del superamento dei conflitti etno-politici. Nello scenario europeo e mediterraneo, spazio continuo di città e comunità, di conflitti e attraversamenti, i Balcani, insieme nucleo e limes d’Europa, svolgono polifonie di voci e di culture, ricche di potenziali di pace, e riverberano possibilità di inclusione e di convivenza.

I luoghi del patrimonio culturale, materiale e immateriale, i beni di rilevante interesse storico e culturale, paesaggistico ed archeologico, i luoghi della memoria, nell’orizzonte delineato dalla Carta dell’UNESCO e nella prospettiva del «culture-oriented peace-building», a partire dalla Città di Napoli, con il suo centro storico e i suoi luoghi patrimonio dell’umanità, attraverso il Mediterraneo, nei Balcani, nel Kosovo post-conflitto, riverberano, per il futuro, messaggi di trasformazione del conflitto, di convivenza e di giustizia.

Iniziativa con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli e dell’Osservatorio Permanente per il Centro Storico di Napoli Sito UNESCO e il supporto di Ad Est dell’Equatore. Iniziativa contro il sistema della camorra.