Ha aperto ieri sera nel carcere di Poggioreale a Napoli, “Brigata Caterina” locale che sfornerà pizze per i detenuti e per il personale del carcere. “Un progetto sperimentale che rappresenta una vera rivoluzione culturale“, ha dichiarato Antonio Mattone della Comunità di Sant’Egidio.

Attraverso questa iniziativa, – ha continuato – oltre a permettere ai detenuti e al personale dell’istituto di poter mangiare la vera pizza napoletana, verranno formati e avviati al placement un gruppo di reclusi che così potranno progettare un futuro diverso. Grazie a Gianni Breglia, Antimo Caputo, al personale civile della Casa circondariale e alla polizia penitenziaria. Stasera l’inaugurazione ufficiale“. Il riscatto dei detenuti, quindi, a Napoli passa dal forno della nuova pizzeria.