Venerdì 17 gennaio in Giunta Comunale gli Assessori ai Giovani Alessandra Clemente e alle Politiche Sociali e al Lavoro Monica Buonanno hanno firmato e presentato la “Carta dei diritti dei riders e dei lavoratori della Gig Economy” (“economia dei lavoretti”), che intende riconoscere formalmente i diritti di tutti coloro che si candidano per prestazioni lavorative a chiamata, occasionali e temporanee attraverso piattaforme digitali, tra cui i riders, appunto, i fattorini che si occupano di consegne a domicilio richieste tramite app. L’intento è quello di promuovere una crescita dell’economia digitale, senza per questo arretrare sui diritti dei lavoratori: un intervento necessario data la progressiva crescita del fenomeno in Italia e nel mondo.
“Un risultato importante per la città e soprattutto per la visione che la città ha sul lavoro e sui lavoratori” commentano gli Assessori e aggiungono: “non potevamo pensare che Napoli si voltasse dall’altra parte rispetto al fenomeno dei riders e del precariato nelle sue forme più digitalizzate. La carta dei diritti dei riders è un atto condiviso e partecipato con le organizzazioni sindacali e con i rappresentanti dei riders napoletani.”