La Procura di Santa Maria Capua Vetere ha concluso con 48 avvisi di garanzia le indagini che riguardano la clinica Pineta Grande di Castel Volturno, nel casertano. Tra le persone indagate a vario titolo, per reati di corruzione, falso, indebita induzione, abusi di ufficio e rivelazioni di segreti di ufficio risultano imprenditori privati nel settore della sanità, tecnici di parte e collaboratori, pubblici tecnici della Regione Campania, dell’Asi Caserta, della Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento, con sede a Caserta, ex amministratori comunali e pubblici funzionari del Comune di Castel Volturno.

Quando si va in Consiglio Comunale si dovrebbe anteporre l’interesse dei propri cittadini a tutto, e con questo spirito ho sempre votato. Non sono pentito del mio voto a favore, perché l’obiettivo era, ed è tutt’ora, quello di dare a Castel Volturno un futuro diverso rispetto alla situazione attuale, che vede questo comune noto in tutta Italia per il degrado, la prostituzione, la droga, i traffici illeciti, la camorra e la mafia nigeriana’’ ha dichiarato l’ex consigliere comunale Cesare Diana, coinvolto nella vicenda insieme a tutta l’amministrazione.

L’ex consigliere comunale Cesare Diana

‘’Voler fare di Castel Volturno la Città dell’eccellenza in campo sanitario, con un ospedale da 1.000 posti letto, unico presidio ospedaliero all’avanguardia dell’Italia meridionale, non dovrebbe essere una colpa. Credo che non votare avrebbe significato non voler dare alla propria Città la possibilità di voltare pagina, negando ai castellani nuove occasioni lavorative e il miglioramento della qualità della vita – ha detto l’ex consigliere comunale . È innegabile infatti, l’importanza per l’intero indotto che avrebbe portato con sé nuovi investimenti fondamentali per il rilancio della città. È chiaro che a muovermi è l’amore per la mia terra, martoriata e nota alle cronache per degrado e criminalità, anche perché non ho incassato 1 euro, non ho preso nessun appalto o posto di lavoro, non ho tratto nessun giovamento”.