È un periodo molto sfortunato, vediamola così, ma non esageriamo con i giudizi negativi e lo sconforto, questa resta un’annata straordinaria, contro-sorpasso alla Juve o meno, prendiamo esempio dai ragazzi delle curve e continuiamo a stare vicini alla squadra.
Anche perchè, ieri sera, nonostante il pareggio, il Napoli ha giocato da solo, creando tanto, sprecando di più, prendendo un palo e riuscendo a segnare solo un gol con Insigne, vanificato poi dal disastro difensivo che 5 minuti dopo ha riportato il Milan in partita. I rossoneri catenacciari, “prendendo spunto” dal Carpi(con tutto il rispetto per i biancorossi), resistendo e offrendo una prova di gran carattere, portano via un punto d’oro. Gli azzurri rispetto ad un mese fa non brillano, appaiono poco lucidi, non in condizione e a tratti troppo nervosi, ma sicuramente il pari è un risultato tanto, tanto, bugiardo.
Bisogna ritrovare la cattiveria agonistica che ha caratterizzato gran parte del campionato dei ragazzi di Sarri e forse il mister, nonostante la sua poca esperienza a lottare per le posizioni di vertice, dopo aver dato un gran gioco a questa squadra, deve cercare di compiere l’ennesimo “miracolo” e trovare soluzioni alternative, visto che diversi giocatori chiave, su tutti Allan, Hamsik e Higuain, stanno attraversando un momento di forte involuzione.
Chiaramente per coronare la serata sfortunata del San Paolo è stato fondamentale l’intervento dell’arbitro Banti: Il direttore di gara livornese, con il suo arbitraggio finto-internazionale, ha combinato un disastro totale, non espellendo gente come Niang, autore di numerosi interventi da sanzionare e il giovane portiere rossonero Donnarumma che emozionato dallo stadio di “casa” sua, si è “dimenticato” a più riprese di calciare il rinvio da fondo, perdendo un’enormità di tempo e offrendo uno spettacolo pietoso.
Il Napoli è una squadra forte ma è anche una squadra molto giovane e una sequenza di risultati negativi, potrebbe influire molto sul morale del gruppo, è quindi necessario non ritardare più l’appuntamento con la vittoria. Giovedi contro il Villareal, c’è l’occasione per riscattarsi, provare a portare a casa un’importante qualificazione europea e ridare gioia al pubblico del San Paolo che anche ieri sera, ha svolto con grande entusiasmo, il ruolo ufficiale di dodicesimo uomo in campo.

NAPOLI-MILAN 1-1
NAPOLI

Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Higuain, Insigne. All.Sarri
MILAN
Donnarumma, Abate, Alex, Zapata, Antonelli, Honda, Kucka, Montolivo, Bonaventura, Bacca, Niang. All.Mihajlovic
GOL: Insigne 38′(N), Bonaventura 43′(M)

A proposito dell'autore

Giornalista pubblicista dal 2014, grande amante di calcio, sport in generale, musica e storia contemporanea, collabora con Napoliflash24 dalla sua fondazione(2013). Curatore dal 2013 delle Rubriche "Largo ai giovani" e "Mondo Ultras" su ilnapolionline.com. In passato ha collaborato con il magazine "Thetripmag.com", il blog "letteraturateatrale.it", il portale "Forumitalia" e inoltre ha ricoperto nel corso del biennio 2013/2014, il ruolo di addetto stampa dell'ASD Partenope Soccer.

Post correlati