NAPOLI-Il cinema di uno tra i registi più autorevoli del panorama italiano, si parla di Ettore Scola, ritorna sul palcoscenico del Nuovo Teatro Sanità con il riadattamento de “Una Giornata particolare”. A partire da domani, 4 dicembre e fino a domenica 6,la regia di Michele Danubio porta in scena, dirigendo e intrepretando, assieme alle attrici Laura Borrelli e Veronica Fusaro, una sotira, dtata 1977, con protagonisti i grandi Mastroianni e Sophia Loren. L’incontro tra due esistenze, parallele, è al centro della storia. Antonietta e Gabriele si ritroveranno a condividere, nello stesso appartamento, una giornata passta alla storia, quella del sei maggio 1938, in Via dei Trionfi, giorno della parata militare in vista della visita di Hitler nella capitale italiana. Città quasi deserta, appartamenti vuoti in cui il silenzio sovrasta il tutto. Antonietta è una casalinga, madre di sei figli, moglie di un impiegato e Gabriele è un ex annuciatore della EIAR, accusato di omossessualità. Per quanto diverse le storie dei protagonisti ad accomunarli vi sarà il senso tragico del vissuto e la gentilezza, collante per eccellenza. Spiega Danubio:”una buona occasione per ricordare quelli che nelle pagine dei libri non finiscono, i miti, i silenziosi, quelli che non ti accorgi che ti abitano accanto e che custodiscono talvolta una sapienza, una verità alternativa che riesce a rispondere anche alle tue domande, quelli che puoi far tacere solo alzando la voce e che rispondono con un sorriso ai tuoi insulti. Dedichiamo lo spettacolo a queste persone-continua- e a tutti coloro che hanno il coraggio di essere migliori dei tempi in cui vivono“. La Storia al di là della storia che prima di realizzarsi sulla cornice delle esistenze, si realizza dapprima nelle singole esistenze, quelle piccole, quelle tra i muri di casa.