Puntuali come sempre, ci ritroviamo con tutti gli appassionati del Napoli Calcio a ripercorrerne i passi della sua storia fino ai giorni nostri.

E’ la volta della stagione 85/86, anno in cui gli azzurri stavano prepotentemente assumendo una fisionomia da grande squadra, il preludio ad un periodo che resterà impresso nella storia e nelle menti dei supporters partenopei. Il campionato quell’anno vede il Napoli piazzarsi subito dietro Juventus (Campione d’Italia) e Roma, ma molte furono le gare scalfite nel cuore dei “malati” azzurri. Noi vogliamo estrarre tre perle a cui siamo particolarmente legati e che riguardano, guarda caso, altrettanti colpi da fenomeno di un certo Diego Armando Maradona; il primo, e come dimenticarlo, riguarda un calcio di punizione a due in aria contro la Juventus che il Dio del calcio pensò bene di trasformare in una magistrale trasformazione contro ogni legge della fisica (crediamo che il buon Tacconi, estremo difensore bianconero, ne abbia sofferto le conseguenze per il resto della carriera).

maradona

  maradona

Ed ancora impressa abbiamo la stupenda giocata del Pibe a San Siro per il gol del momentaneo 0-2 per espugnare il campo del Diavolo.

maradona

Infine, la perla delle perle, quel gol da posizione siderale con una parabola beffarda a scavalcare Giuliani nel 5-0 al Verona ed un San Paolo in subbuglio.

01-00123982000002

  ITALO ALLODI CON CORRADO FERLAINO

In panchina vi era Ottavio Bianchi mentre si era insediato in veste di Direttore Italo Allodi che pensò bene di affiancare all’asso argentino i vari Giordano, Bagni, Renica e Garella. Intanto esordiva quell’anno un certo Ciro Ferrara

Bruno GIORDANO Panini Naples 1987  Salvatore Bagni  renica  Claudio GARELLA Panini Naples 1987  Ciro FERRARA Panini Naples 1987

Chiudiamo qui il nostro libro dei ricordi, stentiamo a tener testa ad un incalzante magone. Nella prossima puntata ci ritroveremo per raccontarvi della stagione 86/87. Vi dice niente?

Leggi la storia del Calcio Napoli cliccando qui