Le malelingue non aspettavano altro, la sconfitta del Napoli e magari la pedina importante che subisce un infortunio grave, apriti cielo! Il ko con il formidabile City di Guardiola, messo per gran parte di gara alle corde da un Napoli stellare, ha alimentato le solite voci avverse all’ambiente partenopeo: la grande forza della squadra azzurra con la sua spettacolarità riconosciuta in tutto il mondo e i numeri pazzeschi ed assolutamente incontrovertibili danno fastidio a troppe persone che in questi ultimi giorni sono ritornate prepotentemente a rialzare la cresta. I ragazzi di Sarri dovranno zittire tutti e la prima tappa utile è Verona dove ad attenderli c’è il sempre affidabile Chievo di Maran capace di un inizio stagione davvero positivo; i clivensi però sono reduci da due sconfitte consecutive con Milan e Sampdoria ed entrambe per 4-1 ed attraversano il primo momento critico di questo torneo. Niente a che vedere con la corazzata napoletana che viaggia con il vento in poppa (10 vittorie ed 1 pareggio!); l’obiettivo è dare una risposta all’ennesimo passo falso europeo e soprattutto all’infortunio scioccante dell’uomo più in forma del momento, quel Faouzi Ghoulam ormai diventato uno dei migliori terzini sinistri dell’intero panorama mondiale. Ed allora eccolo l’uomo che non dovrà farlo rimpiangere e che sinora era stato messo magari un po’ da parte, e per l’esplosione definitiva dell’algerino, e per quell’infortunio dello scorso anno che lo ha penalizzato sotto il profilo fisico: parliamo ovviamente di Mario Rui, esterno basso mancino già allievo di Sarri  ad Empoli prelevato nella scorsa estate dalla Roma per la cifra di 10 milioni. Lui finito probabilmente nel dimenticatoio di un mondo che dimentica troppo presto; il portoghese ha una chanche irripetibile, toccherà anche a lui contribuire in maniera determinante a qualcosa di davvero importante.
Dovrebbe essere già titolare contro il Chievo anche se molti prevedono lo spostamento di Hysaj a sinistra con Maggio sul lato opposto: noi optiamo con convinzione per la prima ipotesi. E non sarebbe l’unica novità, ci sarà anche il solito turnover a centrocampo con Diawara Zielinski che scalpitano per una maglia da titolare. Il resto non dovrebbe vedere sorprese anche se fino all’ultimo si monitorano le condizioni di Reina (pronto Sepe) e Mertens (in caso di forfait Ounas Giaccherini reclamano spazio).  Non c’è tempo per lo scoramento, c’è assolutamente bisogno di continuare a vincere per continuare la fuga in vetta alla classifica: bisogna vincere anche per Milik e Ghoulam!