L’Ospedale degli Incurabili – Parte III

Museo delle Arti Sanitarie

Nel Cortile degli Incurabili, l’ospedale fondato dalla beata Lorenza Longo, si respira un barocco un po’ speciale: qui l’arte aiuta a guarire. Ciò che meraviglia e stupisce in questo antico stabilimento ancora attivo, è la sua unità di espressione dell’incontro tra arte e scienza. Il Museo delle Arti Sanitarie accoglie il pubblico negli ambienti dell’ex-monastero delle Convertite, nel nucleo più antico dell’imponente complesso degli Incurabili. Antichi ferri chirurgici e strumenti medici d’epoca, farmacie portatili, stampe anatomiche e libri sono articolati in quattro sale espositive intitolate ad alcuni dei principali luminari del panorama scientifico del passato come Domenico Cotugno, Domenico Cirillo, Giuseppe Moscati. Oggetti scientifici che diventano eleganti opere d’arte usate dalle mani di medici che proprio in quei luoghi fondarono la Scuola Medica Napoletana. La visita inizia dalla sala Cotugno e prosegue nella sala Cirillo quindi le sale del farmaco attraversando suggestivi allestimenti. Gli oggetti e i libri raccolti aiutano a capire ai non addetti ai lavori l’evoluzione di una scienza in cammino che qui a Napoli realizzò molti primati. Lo scopo è far rinascere e rinnovare la memoria di luoghi tanto importanti per il patrimonio artistico e scientifico del nostro Paese.

OSPEDALE degli INCURABILI - PARTE III MUSEO delle ARTI SANITARIE

Testo in inglese
In the courtyard of the “Incurabili”, surrounded by elegant “piperno” stone, and amongst the sixteenth century courtyards and the ancient halls of the hospital founded by the Blessed Lorenza Longo, you can breath a special baroque atmosphere: here the arts help to heal. The Museum of the Healthcare Arts welcomes the public in the spaces of the former convent of the “convertite”, in the oldest venue of the imposing complex of the “Incurabili”. Old surgical instruments, portable pharmacies, antique medical instruments, anatomical prints and books are arranged thematically and want to save the memory of the Medical School of Naples: over one hundred pieces on display in the first two rooms of the museum illustrate the operating practices of the past and the extraordinary events of the Hospital of the Kingdom. In this very Hospital medical specialties and health care disciplines were born. The visit starts in the first room dedicated to Domenico Cotugno and continues in the Cirillo room through a beautiful setting up inspired by the unusual beauty of the scenic architetre of the building.

L’accesso al Museo delle Arti Sanitarie e di Storia della Medicina è attraverso il Cortile Monumentale dell’Ospedale di Santa Maria del Popolo degli Incurabili.

Descrizione: La prima sala è intitolata a Domenico Cotugno, illustre clinico ed anatomista, direttore del Collegio Medico Cerusico e senza dubbio longevo maestro dell’arte medica che traghetta l’ospedale dall’Illuminismo al moderno stabilimento Ottocentesco. Una farmacia portatile del Settecento ed una cassetta per stimolare la respirazione rappresentano eleganti e intriganti strumenti del mestiere. Un antico tavolo operatorio in ghisa e velluto ed alcuni pannelli ricordano la storia del tavolo operatorio. La seconda sala è dedicata alla nascita delle specialità mediche, alle esperienze militari mediche che favorirono lo sviluppo delle tecniche chirurgiche. E’ illustrata in pannelli l’organizzazione sanitaria del Regno delle Due Sicilie. La terza sala ricorda il prof. Giuseppe Moscati, Primario della III Medicina Uomini dell’Ospedale degli Incurabili. Indagò particolarmente la coagulazione, le modalità di somministrazione dell’insulina. Le sue relazione necroscopiche rappresentano uno spaccato interessante ed innovativo della metodologia clinica negli anni ’20 del Novecento.
( dal Sito MUSEIINCAMPANIA)

Fernanda Zuppini

Per l’Ospedale degli Incurabili – Parte I clicca qui

Per l’Ospedale degli Incurabili – Parte II clicca qui

Per l’Ospedale degli Incurabili – Parte III clicca qui

Per l’Ospedale degli Incurabili – Parte IV clicca qui

Per l’Ospedale degli Incurabili – Parte V clicca qui

Per l’Ospedale degli Incurabili – Parte VI clicca qui