Mark Knopfler

Uscito il singolo “Good On You Son”, preludio al nuovo album dell’ex leader dei Dire Straits

Da alcuni giorni è disponibile sul web il nuovo singolo del carismatico fondatore e leader dei Dire Straits, Mark Knopfler, che anticipa il suo nono album solista da quando decise di non riunire più il gruppo che, peraltro, recentemente è stato inserito nella rock’n’roll hall of fame. Il nuovo album di inediti, che uscirà il 16 novembre, s’intitola “Down The Road Wherever”, e sulla scelta del titolo, tratto dalla strofa “And I’ll be out of this place/And down the road wherever” del brano “One Song At A Time”, Knopfler si è così espresso: “Ricordo che il mio amico Chet Atkins una volta disse di essersi fatto strada fuori dalla povertà una canzone alla volta, e mi è rimasta in mente. “Down The Road Wherever” mi sembrava adatto a me perché è ciò che ho sempre fatto. Fare dischi ma mantenere la mia geografia intatta nelle canzoni”. Come sempre, Knopfler nei suoi testi spazia tra vari argomenti: si va da un ritorno alle origini, ovvero gli esordi della sua carriera a Deptford (di cui il leggendario chitarrista già cantò nello stupendo album omonimo d’esordio, ‘Dire Straits’, nel lontano 1978), alla descrizione di un musicista che torna a casa in autostop avvolto dalla neve, fino al tifoso che gira solo di notte per le strade di Newcastle (sua squadra del cuore) in “Just A Boy Away From Home”, unico brano che Knopfler firma in collaborazione con Rodgers e Hammerstein, dato che riprende il celebre inno dei Reds, “You’ll Never Walk Alone”. Musicalmente Knopfler ripercorre la strada del folk e roots-roots a lui cara, introducendo elementi di jazz e funk con qualche richiamo rock dei vecchi tempi con i Dire Straits, il tutto senza mai tradire il suo stile unico e inimitabile che lo ha reso uno dei chitarristi più influenti di sempre. L’album, registrato presso i British Grove Studios di Londra, è stato prodotto dallo stesso Mark Knopfler e dal fedelissimo Guy Fletcher, che ovviamente ha suonato anche le tastiere. Gli altri musicisti che hanno partecipato all’album sono Nigel Hitchcock al sassofono, Tom Walsh alla tromba, John McCusker al violino, Mike McGoldrick al flauto e al flauto celtico, Glenn Worf al basso, Ian ‘Ianto’ Thomas alla batteria e Danny Cummings alle percussioni; Richard Bennett e Robbie McIntosh hanno contributo anche alla chitarra e Trevor Mires al trombone, mentre ai cori troviamo Imelda May, Kris Drever, Lance Ellington, Beverley Skeete e Katie Kissoon. Sui siti web ufficiali non vi sono indicazioni circa l’inizio del tour promozionale e qualcuno ipotizza che il prossimo potrebbe anche essere l’ultimo tour del mitico chitarrista scozzese, data la sua non più giovane età (ricordiamo che è nato a Glasgow il 12 agosto 1949), ma è risaputo che Knopfler non ama le luci della ribalta, è molto riservato e raramente le notizie pubblicate sui suoi siti ufficiali sorprendono i fans che, invece, sono organizzatissimi sul web dove si scambiano tutte le notizie che arrivano da ogni angolo del mondo e riguardano il loro beniamino. Tra i tanti siti web dedicati a Knopfler si distingue www.markknopflerworld.com dove, oltre a trovare le ultime news, la discografia e le altre notizie di prassi, si possono leggere anche le traduzioni con interessanti analisi sui testi degli album da solista di Knopfler, da molti definito un poeta del rock per la bellezza delle sue composizioni; lo stesso sito è presente su Facebook come gruppo, i cui membri si scambiano quotidianamente informazioni e novità. L’ultima notizia è che Mark Knopfler sarà a Cesena venerdì 12 ottobre quale ospite della manifestazione “ImaginAction”; trattandosi di un festival internazionale dei videoclip, in teoria Knopfler non dovrebbe suonare ma dare il suo punto di vista sul tema, ma i fans ricordano che Sting lo scorso anno cantò e sono speranzosi che Knopfler farà altrettanto, in attesa di sapere quando inizierà il tour e quali tappe farà. Nel frattempo, però, possono già ordinare sul web “Down The Road Wherever”, che presenta una tracklist che va dalle 13 tracce del cd singolo, alle 16 tracce del cd in formato deluxe, fino ad arrivare alle 17 tracce del cofanetto deluxe contenente 2 vinili 180gr, 1 bonus vinile 12”, un cd deluxe con booklet di 16 pagine, e una card per il download dal web dell’album, oltre a foto e alla tablatura per chitarra del brano “Back On The Dance Floor”. Siamo certi che anche questa volta lo zio Mark, come lo chiamano affettuosamente i suoi fans, non deluderà nessuno deliziandoci, come sempre, col tocco magico delle sue dita sulle corde delle sue tante chitarre.

Down the road wherever