Avvenne il 13 ottobre: 1815 Muore, fucilato a Pizzo Calabro, il generale francese Gioacchino Murat, re di Napoli e maresciallo dell’Impero con Napoleone Bonaparte. Murat è un esempio della mobilità sociale del periodo napoleonico. Nato nel 1767, figlio di un albergatore, alla caduta della monarchia entra nell’esercito rivoluzionario e diventa ufficiale. Partecipa a tutte le campagne militari di Napoleone, mettendo in mostra grande coraggio e sprezzo del pericolo. Nel 1808, Napoleone lo nomina Re di Napoli. Ben accolto dalla popolazione, e detestato dal clero, perde il trono dopo la battaglia di Tolentino del 2 maggio 1815

1972 – Un Fokker Fairchild FH-227D della Fuerza Aerea Uruguayana, in volo per Santiago del Cile si schianta su un roccione delle Ande, perdendo un’ala e, successivamente, l’altra. Delle quarantacinque persone a bordo, diciotto muoiono nel disastro. In undici perdono la vita successivamente per il freddo, gli stenti e le ferite. Dopo settimane di stenti, in cui i sedici superstiti si cibano dei corpi dei compagni, due dei sopravvissuti, Roberto Canessa e Ferando Parrado, attraversano a piedi le Ande per cercare i soccorsi, che arrivano dopo 72 giorni dalla tragedia. Ormai nel Paese si erano completamente perse le speranze di ritrovare qualche sopravvissuto

Segno zodiacale: Bilancia

oroscopo-2015-bilancia

Si festeggia il 13 ottobre: San Benedetto, Sant’Agilberto, Sant’Agnello, San Beniamino, Santa Chelidonia di Subiaco, San Carpo, Sant’Edoardo re d’Inghilterra, San Fausto di Cordova, San Maurizio di Carnoet, San Venanzio di Tours, San Teofilo di Antiochia, San Romolo di Genova

Santo Stefano protomartire

Nati il 13 ottobre: 1939 Giorgio La Malfa, politico e accademico italiano; 1940 Maurizio Iapicca, politico italiano; 1941 Paul Simon, cantautore statunitense; 1956 Oliviero Diliberto, politico, giurista e docente italiano; 1957 Arturo Brachetti, attore e trasformista italiano; 1957 Marco Doria, accademico e politico italiano; 1964 Dario Ballantini, imitatore, comico e pittore italiano; 1964 Marco Travaglio, giornalista, scrittore e saggista italiano

Aforisma: “Il nome di Calabria in se stesso ha non poco di romantico. Nessun’altra provincia del Regno di Napoli offre tale interesse promettente o ispira tanto prima di avervi messo piede. “Calabria!”, appena il nome è pronunziato, un mondo nuovo si presenta alla nostra mente, torrenti, fortezze, tutta la prodigalità dello scenario di montagna, cave, briganti e cappelli a punta, la signora Radcliffe e Salvator Rosa, costumi e caratteri, orrori e magnificenze senza fine!”

Edward Lear

elear2