La storia di Eduardo De Filippo 9°puntata

…. Eduardo si impegna politicamente per gran parte della sua vita. Quando compie 80 anni viene nominato senatore a vita, lotta per molto tempo in Senato e usando in modo sagace il palcoscenico, per la sorte dei minori reclusi negli istituti penali. Pubblico ed intellettuali ammirano il suo operato, cosa che anche lui tocca con mano quando partito nel 1962 per una lunga tournee, in Unione Sovietica, Ungheria e Romania, riceve numerosi encomi. In tutti gli anni ’60 combatte tenacemente per la creazione a Napoli di un teatro stabile. Nel 1963 gli viene conferito il ” Premio Feltrinelli “, per la rappresentazione del ” Il sindaco del rione Sanità “, da cui nel 1977, verrà tratto il film che vede protagonista Anthony Quinn. Il 1973 fu l’anno della commedia ” Gli esami non finiscono mai “, allestita con grandissimo successo a Roma, con questa commedia vince il ” Premio Pirandello “. Riceve inoltre ben due lauree honoris causa ( nel 1977 a Birmingham e dopo, nel 1980, a Roma ). La carica di Senatore a vita, invece gli fu assegnata nel 1981, aderendo per lungo tempo alla sinistra indipendente. Trentamila persone commosse, lo saluteranno alla sua morte. Le esequie solenni furono trasmesse in diretta televisiva dalla camera ardente del Senato. Eduardo fu sepolto al cimitero del Verano. Tutto deve il teatro italiano alle lezioni di Eduardo, non solo per ciò che riguarda la drammaturgia napoletana, ma su tutta la fascia dello spettocolo e dell’arte, tra il cinema/teatro/televisione, che possiamo ritrovare, per citare un esempio, nelle opere di Massimo Troisi. Allargandoci ci ritroviamo a riconoscerle anche in Dario Fo’ e in tanti altri giovani ” attuatori “, un connubio tra linguaggio e personalità…

Per la Storia di Eduardo De Filippo ed altre biografie, clicca qui

Emanuela Genta

094  

          095

     019