Nonostante il maltempo del ponte d’Ognisanti, i turisti hanno continuato ad imperversare per le strade di Napoli, ma anche fuori Napoli, i siti archeologici vesuviani hanno contato circa 8600. Pompei siede sul podio  con 7432 visitatori. Seguono Ercolano con 1.061, Oplonti con 126 e Boscoreale con 51. Infatti la pioggia a tratti torrenziale, nel primo giorno delle festività di Ognissanti, non ha scoraggiato i visitatori che si affollano per la città.

I turisti provengono soprattutto da Francia, Spagna ed Europa dell’Est. Molti anche gli arrivi dalle altre regioni d’Italia. Il primo novembre, proprio grazie al maltempo, sono stati presi d’assalto soprattutto i musei. In testa alla lista c’è il Mann, che ha superato i 3500 biglietti venduti.

Anche il PAN – Palazzo delle Arti di Napoli ha beneficiato di questo enorme afflusso, soprattutto per la grande retrospettiva ‘Escher‘, che ha aperto proprio il primo novembre e che resterà fino al 22 aprile 2019. L’evento ha battuto ogni record di visitatori in altre città europee.

Nell’exhibit sono esposte, oltre alle 200 opere del geniale artista olandese, anche l’influenza che il suo lavoro ha avuto sulle generazioni successive, dai dischi ai fumetti, dalla pubblicità al cinema, attraverso le epoche partendo dall’artista stesso fino ad arrivare ai giorni nostri. In mostra alcune delle opere più iconiche dell’artista come Relatività del 1953, Vincolo d’unione del 1956, Metamorfosi II del 1939 e Giorno e notte del 1938.