Imparare a scrivere in Napoletano  XII lezione – Accento circonflesso

Come abbiamo potuto capire dalle “chiacchierate” precedenti… la nostra stupenda lingua napoletana è un mix ben riuscito di tanti altri idiomi.

Ecco a voi alcune “napoletanissime” parole: Buatta (barattolo), dal francese boîte (scatola, lattina).

Cresommola (albicocca), dal greco krìsuos melon (frutto d’oro). 

Guappo (prepotente), dallo spagnolo guapo (bello e bullo). 

Intrasatta (improvviso), dal latino intras acta (fra un atto e l’altro). 

Mustacce (baffi), dal greco bizantino moustákion. 

Riggiola (mattonella), dal catalano rajola (piastrella). 

Tamarro (zotico), dall’arabo al-tamar (mercante di datteri). 

Tato (padre), dall’osco-sannita tate.

Tècchete (prendi, eccoti), dall’inglese take it (prendilo). 

Zizza (mammella), dal tedesco zitze (capezzolo).

Enzo Carro

www.enzocarro.it

cantante, autore, saggista

Per le altre lezioni di Scrittura Napoletana clicca qui