IL CARAVAGGIO PERDUTO

Amante dell’arte è entusiasta … dopo aver scoperto il perduto capolavoro di Caravaggio, Maria Maddalena in estasi che l’artista italiano aveva con lui quando è morto. Maria Maddalena in estasi di Caravaggio si crede sia stato scoperto e identificato da esperta Mina Gregori in una collezione privata europea.
Si pensa esistano diverse copie del  capolavoro perduto del 1606.
L’uso della luce ed una nota scritta a mano hanno portato a credere che sia l’originale se fosse vero, la scoperta sarebbe una di rara importanza nell’arte occidentale.

Il perduto capolavoro di Caravaggio che il maestro del Rinascimento aveva con lui quando è morto, è stato scoperto in una collezione privata, uno dei maggiori esperti sul artista ha rivendicato. Maria Maddalena in estasi è stato copiato almeno otto volte dal suo completamento nel 1606, poco dopo che il maestro barocco fuggi’ da Roma in seguito alla sua condanna per omicidio. Ma la studiosa di Caravaggio, Mina Gregori, si è detta certa di aver trovato l’originale dopo aver studiato le variazioni di luce e colore sulle mani e il viso di Maria.    Ha detto al Telegraph: ‘E’ magnifico. L’ho riconosciuto, subito, non appena l’ho visto, ”Ho avuto una reazione istintiva immediata. Lo hanno messo sul pavimento davanti a me, mi sono messa in ginocchio, e quando ho visto le sue mani, ho detto, ‘sì, è proprio così. E ‘il suo’.

Il professore emerito presso l’Università di Firenze, ha detto che le caratteristiche principali della pittura non hanno lasciato dubbi nella sua mente per quanto riguarda la sua provenienza. ‘La creazione di un corpo con tonalità variabile, l’intensità della faccia. I polsi forti, le dita e bei capelli … le meravigliose variazioni di luce e di colore attraversate –  mostrano che si tratta di Caravaggio ‘, ha detto.

Altri indizi importanti era l’usanza vaticana di mettere un timbro sulla tela che è stato utilizzato solo nel 17 ° secolo, e la nota che ha detto: ‘la Maddalena reclinata di Caravaggio’. Il professor Gregori non ha divulgato il nome dei proprietari del 100 centimetri per 90 centimetri di tela, dicendo che non volevano pubblicità.
‘Non so se lo metteranno in mostra’, ha detto. ‘Penso che lo terranno nella loro casa. Dopo tutto, se è nascosto in una banca da qualche parte, nessuno potrà goderselo ‘.
Ha continuato dicendo che trovare questo Caravaggio è un ‘meravigliosa aggiunta’ al mondo dell’arte e ha aggiunto che aver visto l’originale è stato il punto culminante della sua carriera.

L’esistenza di una versione nota come la ‘Klein Magdalena’ a Roma, che alcuni esperti hanno descritto come autentico, è probabile che susciterà ulteriori polemiche. La signora Gregori ha detto all’ Independent che era in trattative con i proprietari della versione autenticata perché lo rendessero disponibile per una esposizione al pubblico. ‘Anche per gli standard di Caravaggio si tratta di un dipinto bello e rivoluzionario’, ha detto. ‘L’obiettivo finale è che tutti dovrebbero avere la possibilità di vederlo. Ma per ora tutto quello che posso dire è che è in Europa ‘.
John Gash, professore di storia dell’arte presso l’Università di Aberdeen, che è anche un esperto del pittore italiano, ha suggerito di esercitare estrema cautela.
La violenza del Caravaggio finalmente esplose con forza nel 1606, quando uccise un noto sfruttatore di prostitute romano di nome Ranuccio Tomassoni.

Michelangelo Merisi di Caravaggio, si pensa, abbia avuto la sua Maria Maddalena in estasi con lui quando è morto nel 1610 a Porto Ercole,  ‘Ci sono molte versioni del presunto originale perduto di Caravaggio, nessuno dei quali finora ha potuto qualificarsi come autografo,’ ha scritto in una e-mail. ‘Questo potrebbe essere, ma senza vedere il dipinto originale, vorrei suggerire estrema cautela.’ Il dipinto si riferisce alla leggenda in cui Maria di Magdala si trasferì a sud della Francia, dove ha vissuto da eremita in una grotta di Sainte-Baume vicino a Aix-en-Provence. Là, secondo la leggenda, è stata trasportata sette volte al giorno da angeli alla presenza di Dio, ‘dove ha sentito, le deliziose armonie dei cori celesti.
Il dipinto è  poi stato trasportato a Napoli, dove un artista fiammingo Louis Finson, ne ha fatto una copia, che è ora nella città francese di Marsiglia.

133313015-09db05a3-51d6-45cd-afd8-c3bb12559d29

THE LOST CARAVAGGIO

Art lover is ecstatic… after discovering lost Caravaggio masterpiece Mary Magdalen In Ecstasy that the Italian artists had with him when he died
Caravaggio’s Mary Magdalen in Ecstasy is believed to have been discovered
It was identified by expert Mina Gregori in a private European collection
Several copies of the long-lost 1606 masterpiece are thought to exist
The use of light and a handwritten note led expert to believe it is the original
If true, the discovery would be one of rare importance in Western art

A long-lost Caravaggio masterpiece that the Renaissance master had with him when he died has been discovered in a private collection, a leading expert on the artist has claimed. Mary Magdalen in Ecstasy has been copied at least eight times since its completion in 1606, shortly after the baroque master escaped from Rome following his conviction for murder. But Caravaggio scholar, Mina Gregori, said she was certain she had found the original after studying the variations in light and colour on Mary’s hands and face. Caravaggio’s 1606 masterpiece, Mary Magdalen in Ecstasy, is believed to have been discovered in a private collection in Europe, an expert has claimed

Caravaggio’s 1606 masterpiece, Mary Magdalen in Ecstasy, is believed to have been discovered in a private collection in Europe, an expert has claimed
The discovery of a handwritten note attached to the back of the painting, attributing it to Caravaggio, was further proof. She told The Telegraph: ‘It’s magnificent. I knew it right away as soon as I saw it,’ ‘I had an immediate, instinctive reaction. They laid it down on the floor, I got down on my knees, and when I saw her hands, I said, ‘yes, that’s it. It’s her.’

The emeritus professor at the University of Florence said key characteristics of the painting left no doubts in her mind regarding its provenance.
‘The creation of a body with varying tones, the intensity of the face. The strong wrists, crossed fingers and beautiful hair… the wonderful variations in light and colour – all show that it is Caravaggio,’ she said.

Caravaggio scholar, Mina Gregori, said she was certain she had found the original after studying the variations in light and colour seen in his other works, such as St Jerome Other important clues were the Vatican customs stamp on canvas that was only used in the 17th century and the note which said: ‘the reclined Magdalene of Caravaggio’.  Professor Gregori did not name the owners of the 100cm by 90cm canvas, saying they did not want publicity.  ‘I don’t know if they will exhibit it,’ she said. ‘I think they will keep it in their home and enjoy it. After all, if it is sitting in a bank somewhere, no one gets to enjoy it.’ She called the find a ‘marvellous addition’ to the art world and said gazing upon the original was a career highlight.
David with Head of Goliath, 1607, is one of Caravaggio’s best-known paintings and exemplifies his fiery style

The existence of a version known as the ‘Klein Magdalena’ in Rome, which some experts have described as authentic, is likely to spark further controversy.
Ms Gregori told The Independent she was pressing the owners of the version she authenticated to make it available for some sort of public display.
‘Even by Caravaggio’s standards this is a beautiful and revolutionary painting,’ she said.  ‘The ultimate goal is that everyone should have the opportunity to see it. But for now all I can say is that it’s in Europe.’ John Gash, a senior lecturer on art history at the University of Aberdeen, who is also an expert on the Italian painter, suggested exercising extreme caution. Caravaggio’s violence finally erupted with force in 1606, when he killed a well-known Roman pimp named Ranuccio Tomassoni, pictured is one segment from artist’s Seven Works of Mercy

Michelangelo Merisi de Caravaggio is believed to have had his Mary Magdalene in Ecstasy with him when he died in 1610. ‘There are many versions of a presumed lost original of this subject by Caravaggio, none of which so far qualify as autograph,’ he wrote in an email. ‘This might be it, but without seeing the original painting, I would suggest extreme caution.’ The painting refers to the legend in which Mary of Magdala moved to southern France, where she lived as a hermit in a cave at Sainte-Baume near Aix-en-Provence.  There she was transported seven times a day by angels into the presence of God, ‘where she heard, with her bodily ears, the delightful harmonies of the celestial choirs’.   The painting is thought to have been subsequently transported to Naples, where a Flemish artist, Louis Finson, made a copy of it which is now in the French city of Marseille.

Daily Mail

Traduzione 

Simona Caruso