Progetto My Fair Lady

Il 13 febbraio, a partire dalle ore 12.00 i ragazzi coinvolti in questo progetto hanno dato vita ad un flash mob in piazza del Plebiscito e poi per le vie di Napoli, eseguendo brani del musical. Inoltre, le sere del 13 e del 14 febbraio i ragazzi si sono esibiti anche in teatro.

“Siamo molto contenti di collaborare con il San Carlo su progetti educativi dedicati ai ragazzi, che danno valore all’esperienza Scuola-Alternanza Lavoro con occasioni concrete di apprendimento – ha commentato Lucia Sciacca, Direttore Communication and Social Responsibility di Generali Italia –. Con questo progetto manifestiamo, ancora una volta, la volontà di essere attivi e partecipi con le eccellenze italiane presenti al Sud: con il Teatro San Carlo condividiamo il convincimento che creare occasioni formative e di coinvolgimento dei giovani nell’arte e nella cultura rappresenti un elemento di crescita dell’individuo e di conseguenza di sviluppo delle comunità.

 Il Teatro di San Carlo, sensibile al tema della formazione, ha da sempre, ed in particolare negli ultimi anni, investito sulla formazione delle giovani generazioni. Per la Stagione 2017/18, grazie al supporto di Generali Italia, la Fondazione ha strutturato un nuovo progetto di promozione del territorio e diffusione della cultura musicale, implementando l’offerta formativa e di spettacolo rivolta a istituti scolastici e Associazioni no profit che operano nella periferia di Napoli. Perseguendo l’obiettivo di una sempre più consapevole formazione dello spettatore di domani, tra le finalità programmatiche la Fondazione Teatro di San Carlo promuove, con un approccio allo spettacolo di tipo laboratoriale, l’integrazione e il confronto tra i giovani e le varie forme d’arte. Il progetto My Fair Lady prevede, infatti, la partecipazione dei giovani a forme di spettacolo di tipo concertistico e coreutico-musicale e un’esperienza concreta di avvicinamento ai mestieri dello spettacolo: un’operazione didattica che crede fortemente nell’arte come bene comune accessibile a tutti indistintamente.