Requi, repuoso, refrisco …cunzuolo

Il Cimitero delle Fontanelle, luogo unico ed irripetibile che rivela il singolare, stravagante, strettissimo rapporto del popolo napoletano con la morte, dove sacro e profano, magia e religione, si mescolano per dare vita ad un culto popolare unico nel suo genere, nel segno delle anime Pezzentelle. Il cimitero delle Fontanelle (in napoletano ‘O campusanto d’ ‘e Funtanelle) è un antico cimitero della città di Napoli, situato in via Fontanelle, nel Rione Sanità antico quartiere della città di Napoli. Chiamato in questo modo per la presenza in tempi remoti di fonti d’acqua, il cimitero accoglie 40.000 resti di persone, più che altro teschi, che in napoletano sono chiamate “Capuzzelle”  delle vittime dell’epidemia di peste nel 1656 e di colera del 1836. Vero e proprio simbolo della cultura napoletana, rivela il singolare, stravagante e strettissimo rapporto del popolo napoletano con la morte, dove sacro e profano magia e religione si mescolano per dare vita ad un culto unico del suo genere.

Il Cimitero delle Fontanelle
percorso di visita emozionale, dove, grazie alla sapiente narrazione
delle guide di Mani e Vulcani, è possibile scoprire il particolarissimo ed ancestrale rapporto del popolo napoletano con la morte.

L’Ossoteca delle Fontanelle: il grande archivio umano di Napoli.

14 Maggio ore 10.30

Cimitero delle Fontanelle, via fontanelle 80

Con quota di partecipazione

Prenotazione obbligatoria 081.5643978 – 340.4230980