Ci eravamo lasciati alla stagione ’75 ed a quella amarissima seconda posizione ad un soffio dalla grande rivale, la Juventus. Ebbene l’estate che seguì vide il Napoli mettere a segno un colpo di mercato straordinario, un colpo che ancora oggi in città viene spesso ricordato nelle animate discussioni calcistiche e raccontato ai più giovani: sì, stiamo proprio parlando di “Mister 2 miliardi”, alias Beppe Savoldi acquistato dal Bologna per quella cifra ritenuta folle per quel periodo.

Savoldi

In campionato non si andò oltre il quinto posto ma nel contempo gli azzurri si aggiudicarono sia la Coppa Italia (battuta l’Hellas Verona in finale 4-0!) che la Coppa di Lega Italo-Inglese contro il Southampton. Flebili momenti di gloria che andavano a precedere un nuovo periodo di insopportabile anonimato; infatti l’anno successivo ci fu la delusione della tanto discussa semifinale di Coppa delle Coppe con l’Aderlecht con  tanto di eliminazione e un piazzamento triste in campionato (settimo posto). Anni ’70 che si conclusero mestamente ma gli anni ’80 bussavano alle porte con delle ventate di novità, una su tutte la riapertura delle frontiere ai calciatori stranieri. Stiamo entrando nella fase calda della storia del Napoli, non mancate al solito appuntamento con “La storia del Calcio Napoli

Leggi la storia del Calcio Napoli cliccando qui