Venerdì 29 aprile alle 19:00, per Il Maggio dei Libri, la festa dei folli, ristobistrò culturale, darà l’avvio alla stagione dei mardis littéraires de Il cenacolo degli eroici furori, luogo di contagio (di emozioni, di racconto, di idee), di scambio, di libri/poesie del cuore, per tirare giù la “kultura” dal piedistallo, e farla diventare friendly, qualcosa di cui parlare con naturalezza.

L’inaugurazione de Il cenacolo degli eroici furori si avrà con il dibattito sul libro di Sadik al-Azm, La tragedia del diavolo edito dalla LUISS University Press. La discussione tenuta dal prof. Sebastiano Maffettone, Consigliere Cultura Regione Campania e all’on. Massimiliano Manfredi, Deputato PD Parlamento Italiano, si terrà  sul tema, molto sentito e attuale,  FEDE E POLITICA NEL MONDO ARABO. Introdurrà e modererà il dibattito Titta Fiore, Caporedattrice Cultura Il Mattino Napoli. Lettura di Bruno Minotti.

La tragedia del diavolo “è stato presente sul mercato arabo ininterrottamente per oltre mezzo secolo. Per quanto formalmente bandito, è  in realtà disponibile a chiunque, in ogni nazione araba, abbia voglia di leggerlo – o di bruciarlo.”

Nel dicembre del 1969  Sadik al-Azm, all’epoca giovane studioso siriano, preoccupato dal crescente uso strumentale della religione da parte delle élite politiche nel mondo arabo, pubblicò La tragedia del diavolo. Il libro, che oltre ogni aspettativa andò subito esaurito, provocò il più grande tumulto intellettuale arabo del ventesimo secolo, portando all’arresto e al processo del suo autore, accusato di prendersi gioco della religione. Nel libro, oggi riscoperto e disponibile per la prima volta in lingue diverse dall’arabo, al-Azm mette in guardia i suoi contemporanei e i posteri dai rischi insiti nell’uso strumentale della religione da parte del potere costituito, e rompe uno dei grandi tabù della sua e della nostra epoca, attaccando direttamente il fondamentalismo religioso. Un libro scritto oltre quarant’anni fa, profetico nel paventare quanto sarebbe successo nei decenni successivi, vibrante  nell’incitare i cittadini dei paesi arabi ad abbracciare un pensiero più laico e secolare,terribilmente attuale nel denunciare le azioni disumane dei regimi totalitari.

        La novità di questa stagione è rappresentata dal progetto della Piccola biblioteca libera, la cassetta in legno che custodisce libri in libera consultazione, in continuo cambiamento con il motto Prendi un libro, porta un libro!

Una piccola biblioteca libera dove scambiare libri che possono essere presi e depositati da chiunque, condividerli con altre persone, trovare classici come opere di nicchia, dai romanzi più famosi alle raccolte di poesie meno conosciute. E’ un modo per fare sì che tutti possano accedere ai libri: saggistica, dizionari, romanzi, libri per bambini e  poi volumi di storia, religione, cinema, sociologia, politica, persino in lingue straniere. Chi ama la lettura ha sempre qualche libro che non apre più e può donare, meglio che tenerli in casa ad accumulare polvere. Passano dalle mani di chi li ha letti a quelle di chi desidera leggerli. Così la cultura circola!

Per  Il cenacolo degli eroici furori, i progetti e le attività future, alla esistente sinergia tra l’associazione culturale la festa dei folli e l’associazione socio-culturale l’angolo democratico, si unisce la collaborazione della Fidapa Bpw Italy  sezione di Nola.

venerdì  29  aprile  2016, la festa dei folli ristobistrò culturale

Per IlMaggioDeiLibri

Inaugurazione della rassegna

 IL CENACOLO DEGLI EROICI FURORI

con

FEDE E POLITICA NEL MONDO ARABO

dibattito sul libro di Sadik al-Azm

La tragedia del diavolo, LUISS University Press

INFO: la festa dei folli, via Principe di Napoli, 89 Nola

tel 0818234046 mob 3385484600