Gentili lettori ben ritrovati! Ci eravamo lasciati con il Napoli che finalmente a Marassi festeggiava la meritata risalita in Serie A.
Nel 2007/2008 con ben 22 mila abbonati, ricominciò la storia del club partenopeo in massima serie.
Quell’anno arrivarono Contini, Blasi, Zalayeta, Gargano e Marek Hamsik, quest’ultimi, giocatori destinati a fare la storia recente del Calcio Napoli.
In sordina, dal San Lorenzo, il 6 luglio, arrivò anche un attaccante ambidestro classe ’85, il Pocho Ezequiel Lavezzi. Il 18 agosto del 2007, alla sua seconda uscita ufficiale in maglia azzurra, siglò una tripletta contro il Pisa e mise subito in chiaro le cose. La prima stagione all’ombra del Vesuvio si concluderà per l’argentino con 39 presenze e ben 11 gol.

13-napoli-lavezzi
Nella prima stagione di serie A della gestione De Laurentiis, c’era grande fiducia e il San Paolo era sempre gremito mantenendo una media di 43 mila spettatori a partita.
La truppa, guidata da Edy Reja, riuscì ad ottenere un onorevole 8° posto, che all’epoca significava intertoto e la possibilità per gli azzurri di ritornare finalmente nel calcio che conta.
Da ricordare in quella stagione, il grande successo casalingo contro squadroni come Inter (campione d’Italia), Milan, e soprattutto la Juventus (3 a 1 con doppietta di Domizzi dal dischetto).

Domizzi
La stagione 2008/2009 fu invece più altalenante e portò al divorzio tra il club e il tecnico friulano, sostituito alla 27a giornata da Roberto Donadoni che traghettò la squadra al 12° posto, ottenendo soltanto due vittorie contro Inter e Chievo.

donadoni_de_laurentis

Nonostante gli arrivi estivi del Tanque Denis, di Pià e Bucchi, l’attacco azzurro non riuscì a fare la differenza. In campo infatti, si fece sentire la mancanza di alcuni protagonisti delle stagioni passate come Calaiò (ceduto al Siena), il Pampa Sosa e Domizzi, difensore con il vizio del gol.
Eppure la stagione era iniziata nel migliore dei modi, con la vittoria della Coppa Intertoto contro il Panionios e l’accesso al primo turno di Coppa Uefa, perso poi contro il Benfica di Nuno Gomes, al ritorno in Portogallo.

Benfica-Napoli

Nel tempo poi, tra i problemi di quella sfortunata annata, vennero evidenziati, la mancata integrazione tra il gruppo “degli argentini” e il resto dello spogliatoio, e il comportamento poco professionale di alcuni elementi, su tutti Lavezzi, Denis e il portiere Navarro. Tra i migliori invece, si distinse Marek Hamsik, sempre più beniamino del pubblico e bomber. Infatti per il secondo anno consecutivo si aggiudicò il titolo di miglior marcatore della squadra.
La puntata di oggi si chiude qui! Vi aspettiamo puntuali con la prossima per l’appuntamento con la stagione 2009/2010, con il ritorno in Europa e l’inizio dell’era Mazzarri.
Intanto, per rileggere tutte le vecchie puntate della rubrica cliccate su questo link:

Leggi la storia del Calcio Napoli cliccando qui 

A proposito dell'autore

Fabio Ferraro

Giornalista pubblicista dal 2014, grande amante di calcio, sport in generale, musica e storia contemporanea, collabora con Napoliflash24 dalla sua fondazione(2013). Curatore dal 2013 delle Rubriche "Largo ai giovani" e "Mondo Ultras" su ilnapolionline.com. In passato ha collaborato con il magazine "Thetripmag.com", il blog "letteraturateatrale.it", il portale "Forumitalia" e inoltre ha ricoperto nel corso del biennio 2013/2014, il ruolo di addetto stampa dell'ASD Partenope Soccer.

Post correlati